Prima che le tecnologie digitali diventassero di uso comune eravamo abituati a vivere in una sola realtà. Oggi non è più così. Ma state tranquilli, non siamo parlando di universi distopici in stile Matrix, bensì di alcune tecnologie che stanno cambiando il modo in cui interagiamo con le informazioni. E in questo post le passeremo brevemente in rassegna per sollevare un po’ il lembo del tempo e buttare uno sguardo sul futuro che, in alcuni casi, stiamo già vivendo.

Informazione cammina con me: l’avvento della realtà aumentata

Tra i meriti che ha avuto l’uscita di Pokemon Go, il primo prodotto per dispositivi mobile ispirato al celebre franchise Nintendo, c’è di sicuro quello d’aver portato l’espressione realtà aumentata sulla bocca di tutti.

Questo concetto, in realtà, è molto più vecchio di quanto pensiamo. Per realtà aumentata si intende infatti l’arricchimento della percezione con informazioni trattate elettronicamente che i nostri sensi non sarebbero in grado di percepire altrimenti. Il cruscotto della macchina, per esempio, è un dispositivo di realtà aumentata.

Tuttavia è stato solo con l’avvento del digitale che questa tecnologia ha potuto esprimere tutto il suo potenziale. La velocità e la quantità di informazioni messe a disposizione su internet, oggi possono scorrere facilmente sugli schermi dei nostri smartphone, interagendo con la realtà che ci circonda, modificando la percezione che abbiamo di essa.

E in futuro, quando saranno disponibili dispositivi indossabili (i Google Glass sono stati solo il primo esperimento) molto sofisticati, questa sovrapposizione ci sembrerà del tutto naturale.

Nuove frontiere dell’esperienza: la realtà virtuale

A differenza di quella aumentata, la realtà virtuale è una tecnologia che non sovrappone informazioni alla realtà che ci circonda, ma che per presentarle ne simula un’altra, appunto, virtuale.

Questa nuova realtà può essere vista ed esplorata grazie a degli speciali visori, che ci isolano dal mondo esterno e simulano per noi degli universi completamente nuovi.

Le applicazioni, come anche nel caso della realtà aumentata, possono essere numerose e non si limitano soltanto all’aspetto ludico o ricreativo.
Oggi, tanto la realtà aumentata quanto quella virtuale, sono usate per la formazione di personale tecnico o per la manutenzione di macchinari complessi che avrebbero bisogno di un know how molto elevato.

La realtà aumentata e quella virtuale come strumenti di marketing

Realtà aumentata e realtà virtuale possono diventare due strumenti potentissimi per il marketing della tua azienda. Non soltanto per la loro ca pacità di stupire, grazie a un elevatissimo fattore “wow”, ma anche perché possono apportare soluzioni durature e concrete ai problemi e ai bisogni dei tuoi clienti.

Noi di Genetica studiamo e sperimentiamo con queste tecnologie ormai da diversi anni. Perciò se desideri usare la realtà virtuale o la realtà aumentata per il marketing della tua azienda, vienici a trovare e parla con i nostri consulenti.

Autore Flavio Pintarelli

Copywriter&Media Director, ha una smodata passione per la scrittura.

Leggi altri post di Flavio Pintarelli

Scrivi un commento

*