Da quando è nato, il marketing è cambiato moltissimo. Non potrebbe essere altrimenti, visto che quando cambia la società, il marketing muta di conseguenza. Fino a pochi anni fa, per vendere un prodotto era sufficiente che questo fosse di ottima qualità e che le persone ne intuissero l’utilità per la loro vita.

Oggi, purtroppo, questo non basta più. Perché le persone non si accontentano di possedere un oggetto utile o bello. Quello che le persone vogliono e far parte di qualcosa di più grande di loro. In una parola: una comunità.

I brand più famosi hanno da sempre stimolato le persone a identificarsi con loro. Ma come hanno fatto? Qual è l’ingrediente segreto che spinge le persone a sposare e condividere la visione del mondo e i valori incarnati in un brand?

La risposta è più semplice di quanto possiate immaginare. Sono le storie che rendono possibile tutto questo.

Le storie sono strumenti antichi e potentissimi. Fin dagli albori dell’umanità le persone sono state affascinate dalle storie e da chi sapeva raccontarle. I nostri antenati si riunivano intorno al fuoco per ascoltare storie e leggende, che avevano sempre un insegnamento da trasmettere. È grazie a esse che le comunità cementavano i propri rapporti, diventando sempre più forti e solide.

Potete avere il miglior prodotto sul mercato, la distribuzione più veloce, la qualità più alta. Ma tutto questo non significa nulla se le persone non riescono a rispecchiarsi nella vostra storia. Perché quando compriamo qualcosa, non compriamo solo un oggetto o un servizio. Compriamo un valore e un’esperienza che definiscono la nostra identità.

Ecco perché dobbiamo scegliere con cura quali storie raccontiamo e con quali strumenti. Anche perché se non lo facciamo noi, ci sarà sempre qualcun’altro pronto a raccontare la nostra storia al nostro posto. E non sempre sarà una storia positiva; mai sentito parlare di Tripadvisor?

Oggi, grazie alle tecnologie digitali, avete a disposizione un’enorme quantità di strumenti per raccontare storie. I social network, You Tube, il vostro sito web sono tutte pagine bianche che aspettano solo di essere riempite. Riempite per essere lette da un numero potenzialmente incredibile di persone. Persone che vogliono sedersi ancora una volta accanto al fuoco, come facevano i loro antenati secoli fa, e rimanere affascinati da un cantastorie.

Quel cantastorie può essere la vostra azienda.

Vuoi saperne di più a proposito dell’arte di raccontare storie? Leggi anche:

Autore Flavio Pintarelli

Copywriter&Media Director, ha una smodata passione per la scrittura.

Leggi altri post di Flavio Pintarelli

Scrivi un commento

*